Twitter fa retromarcia e decide di non cambiare la natura del social network: secondo quanto affermato dal CEO Jack Dorsey, non verrà eliminato il limite di 140 caratteri.

Era Gennaio quando Twitter, reso famoso proprio per questa sua particolare caratteristica, annunciava di voler estendere il limite dei tweet a 10.000 caratteri, con una grande protesta da parte degli utenti stessi.

E a confermarlo è lo stesso CEO con un tweet, proprio a ridosso dei festeggiamenti per i 10 anni di Twitter. Dorsey afferma che i 140 caratteri del social network sono “un bellissimo limite” e che “Twitter non perderà mai questa caratteristica”. Un passo indietro, insomma, rispetto a quanto dichiarato mesi fa. Allo stesso tempo, però, il CEO del social ha notato che molti degli utenti utilizzano un escamotage per far visualizzare più testo, un piccolo trucchetto che coinvolge le immagini: allegare uno screenshot di un testo, più lungo, come estensione del post. È lo stesso Dorsey a chiedersi, dunque “e se il testo fosse un vero testo? Qualcosa che potrebbe essere cercato, evidenziato?”.

Durante l’intervista al The Today Show di stamattina, in occasione dell’anniversario di Twitter, è il conduttore Matt Laurer a chiedere una conferma: “Il limite di 140 caratteri. Rimarrà? E se scomparirà, quale sarà la data?”, che Dorsey replica con sicurezza: “il limite rimane. Cambieremo molto di Twitter, lo renderemo migliore, ma i 140 caratteri rimarranno”.

Si potrebbe prospettare un modo di incorporare più testo nei tweet, magari come si fa già con immagini e video? Questa rimane solo una supposizione, per la quale si dovranno aspettare i prossimi sviluppi.