Su YouTube impazzano ormai da tempo le compilation con i più bei Vine che circolano sul web (clicca qui per vedere i 77 vine più belli). Vine (scopri qui come si usa) è l’applicazione gratuita distribuita da Twitter e resa disponibile agli utenti a partire dal 24 gennaio 2013, utilizzata per condividere video di durata davvero breve, soli 6 secondi.

Nuovo competitor di Instagram, Vine ha raggiunto cifre incredibili in meno di un anno dalla sua nascita: secondo GlobalWebIndex è l’app cresciuta più rapidamente durante tutto il 2013, con un aumento di utenti di oltre il 400% fra il primo e il terzo trimestre dell’anno. A seguire troviamo Flickr (146%) e Instagram (130%) (clicca qui per scoprire tutti i numeri di Instagram).

E’ vero che per comodità gli utenti forse preferiscono utilizzare per foto e video un’unica applicazione, come nel caso di Instagram: non a caso nella classifica delle app più scaricate nell’Apple Store, ad oggi Instagram risulta essere 13esima, mentre Vine non rientra nemmeno nelle prime 200.

Vine, proprio come Instagram, è un’appplicazione particolarmente sfruttata dai brand che, per la portata di visibilità che entrambe possono fornirgli, utilizzano sempre più spesso queste due piattaforme di condivisione. Secondo uno studio condotto da Luxury Lab è emerso che il 35% dei brand analizzati sarebbe attivo su Vine, mentre solo il 26% utilizza la funzione video di Instagram: a questo punto sembra essere Vine a vincere la “sfida social”, ma ad oggi non sono ancora stati pubblicati dei dati ufficiali che attestino l’esatto numero di utenti, video e condivisioni che riguardano il social network.