Da qualche tempo si sente parlare della questione diritti d’autore – trailer cinematografici. La SIAE, infatti, che tutela i diritti d’autore, vorrebbe fossero pagati anche dai siti che ospitano i trailer.La questione sui diritti d’autore è molto complessa soprattutto in relazione alla diffusione dei social network che la SIAE, in più di un’occasione ha dichiarato di voler tenere sotto controllo.

L’osservazione non sarebbe rivolta ai profili dei “privati cittadini” che stanno sui social network senza scopo di lucro. Il “problema” se così vogliamo definirlo, sono le pagine commerciali che raccolgono pubblicità anche in virtù dei contenuti multimediali che inseriscono nelle loro pagine.

E poi ovviamente c’è la questione della colonna sonora di un certo trailer che più viene usata e più dovrebbe essere pagata. La SIAE, tra l’altro, ritiene che i siti internet che inglobano degli spazi per l’advertising, in fondo, hanno gli strumenti economici per pagare i diritti d’autore sui trailer.

Per questo, è probabile che in un futuro prossimo si definisca una tariffa annua, con possibili sconti, come “prezzo” da pagare per la pubblicazione di un certo numero di ore di trailer cinematografici. Si vocifera che la cifra superi i 1500 euro ed equivalga a 10 ore di trasmissione.

Ma se l’embedding non avviene e si pubblica soltanto un link ad un trailer ospitato in un’altra pagina, allora problemi con la SIAE non dovrebbero essercene. Ma è ancora tutto da definire.