Da Redmond è arrivata la notizia di un touchscreen dalla velocità entusiasmante. La risposta all’input digitale – nel vero senso della parola – è stata migliorata di ben dieci volte. A Redmond l’obiettivo era quello di sfondare il muto dei 100 millesimi di secondo di ritardo nella risposta dei dispositivi touch e questo traguardo è stato abbondantemente superato. L’impegno a mettere fine alla latenza degli schermi touchscreen è realtà.

A lavorare su questo progetto ci si sono messi gli ingegneri della sezione Microsoft Applied Sciences, guidati da Paul Dietz che su internet hanno anche prodotto un video dimostrativo. Si evince dalle immagini della demo che non c’è praticamente alcun ritardo tra la pressione del dito sullo schermo e la risposta del tablet.

In termini temporali se prima di parlava di una sensibilità prossima ai 100 millesimi di secondo di ritardo, con il sistema High-Performance Touch di Microsoft, si è passati ad 1 millesimo di secondo di ritardo. Questa risposta subitanea dei dispositivi, apre le porte al gaming.

Se i controlli cosiddetti virtuali diventano sempre più precisi, i videogiochi mobile trovano nuovi spazi ma possono essere implementate anche le compatibilità con le applicazioni grafiche, quelle per intendersi che necessitano dell’uso del pennino.

Da Redmond fanno sapere che adesso si studierà anche il miglioramento di Kinect che potrebbe addirittura rendere il tocco sullo schermo un “surplus”.