E’ stata sviluppata una nuova tecnologia dal nome evocativo Touché che serve a rendere touchscreen tutta la realtà che ci circonda. E’ stata messa a punto dai ricercatori della Disney ma vediamo insieme di cosa si tratta. 

Il principio alla base di Touché è il controllo della realtà in cui siamo immersi attraverso il tatto e la gestualità. Gli esempi classici sono quelli della scritta “non disturbare” da far apparire sulla porta toccando la maniglia, oppure l’abbassamento del volume della televisione tramite una pressione sul nostro naso.

Lo sviluppo di Touché è stato curato dalla Disney Research di Pittsburg e dalla Carnegie Mellon University della stessa città. L’obiettivo è appunto quello di far dialogare tutto il mondo a partire dalle mani e dal corpo.

La presentazione ufficiale c’è stata in Texas durante la CHI 2012, the Conference on Human Factors in Computing Systems.

Touché va oltre la risposta touch che riesce a dare un tablet o uno smartphone. Per capire la portata di questa rivoluzione tecnologica bisogna dire che aumenta in modo esponenziale la sensibilità del computer ai nostri gesti.

Tutto merito del sistema SFCS che sta per Swept Frequency Capacitive Sensing, in grado di interpretare tutti i gesti interattivi compiuti dagli utenti. Nel momento del contatto tra il corpo e un oggetto si producono delle vibrazioni associate ad un’istruzione.