A questo punto investitori e curiosi sono contenti: Larry Page sta bene e sebbene con voce bassa e pacata, è tornato anche a parlare in pubblico. Al centro del suo discorso chiaramente non ci sono state le condizioni di salute del CEO di Google quanto piuttosto le novità dell’azienda di Mountain View.

Il CEO di Google è tornato a parlare in pubblico e lo ha fatto in un’occasione molto particolare: lo Zeitgeist Americas che riunisce per alcuni giorni tutti i partner dell’azienda di Mountain View. Quest’anno Page ha però mancato gli appuntamenti con gli sviluppatori e con gli investitori. 

Di fatto Google non ha perso il suo slancio e nel proporre nuovi servizi ha deciso anche di prendere di mira la concorrenza. In quaranta minuti di discorso a braccio, Page, ha parlato infatti della sfida sulle mappe lanciata da Apple che ha escluso il servizio di Google dalla nuova release del sistema operativo mobile iOS6.

A questo punto Google potrebbe pensare ad un’app per iPhone e iPad ma non sembra ancora che sia stato definito un vero programma “d’attacco”. Si è parlato invece della privacy, della libertà di internet, sempre più vincolata e dell’accusa delle FTC per un presunto abuso di posizione dominante da parte di Google.