TomTom ha rinnovato la propria app per Android, GO Mobile, che diventa freemium: ogni mese sono a disposizione 75km di navigazione gratis e dal primo avvio in promozione i chilometri sono 250 per trenta giorni. È una strategia per competere col successo di Google Maps [vedi gallery], mentre su iPhone l’applicazione resta a pagamento. Basterà a contenere il declino dei navigatori — superati dagli smartphone? Troppo presto per dirlo, secondo me, anche perché quel chilometraggio è davvero limitato. Dove potremmo andare in un mese?

Parlando del decimo compleanno di TomTom avevo messo in discussione l’utilità del dispositivo e delle app dedicate agli smartphone: perché dovrei pagare un abbonamento, quando posso avere gratuitamente lo stesso servizio con altre opzioni? Una domanda da porsi, dal momento che i 75km mensili non coprono neppure la distanza fra dove abito e la redazione. Potrei utilizzare l’applicazione solo per tre giorni, se mai decidessi di sfruttare l’offerta da 250km. È una mossa commerciale che non m’impressiona a prescindere dalla qualità.

Il valore aggiunto di TomTom GO Mobile per Android dovrebbe essere nelle informazioni sul traffico e nelle mappe offline. Peccato, però, che entrambe le funzioni siano previste da HERE Maps sugli smartphone di Nokia con Windows Phone o via web su iPhone e Android: molte altre app propongono la posizione degli autovelox, gratis o a pagamento. Se devo essere sincero, ad oggi da TomTom potrei giusto acquistare uno dei supporti universali per montare il mio dispositivo alla presa d’aria… e navigare con Google Maps su Nexus 4 di LG.

photo credit: espinr via photopin cc