Negli scorsi giorni ho avuto l’opportunità di provare la nuova versione di Todoist, una della migliori app per gestire la to-do list. A dire il vero, Todoist è anche qualcosa di più: un sistema di task management che per certi aspetti può competere con i migliori del settore, Things e Omnifocus, di cui vi ho parlato nelle scorse settimane. Nella nuova versione Todoist Next l’app però si mossa un po’ di più verso il settore di mercato occupato da Todo Cloud e rappresenta oggi, a mio avviso, un ottimo strumento per gestire piccoli team, cosa che non puoi fare con Things od Omnifocus. Con Todoist Next infatti puoi avere fino a 5 collaboratori per progetto già nella versione gratuita. Pagando (29 dollari all’anno) puoi arrivare a 25 collaboratori. Todoist resta comunque un sistema in diretta competizione con altri to-do list manager come Wunderlist PRO. Rispetto a questo però offre la funziona di collaborazione anche nella versione free.

Fra le novità più interessanti c’è la possibilità di delegare attività e di aggiungerle al calendario giornaliero, mensile o annuale.  Progetti, etichette e filtri sono ora disponibili nel menu dell’app e accessibili in toto agli utenti freemium. Tutte le app sono state riscritte, ma è come se non fossero cambiate: sono rimaste semplici e intuitive da usare. In più sono decisamente veloci. Unico accorgimento: non potete delegare un compito a una persona se prima non avete condiviso il progetto intero con lei.

L’unica pecca resta la necessità, su dekstop, di accedere alla rete per controllare i propri task. Purtroppo non siamo ancora nelle condizioni di essere sempre on line e per chi, per esempio, prende spesso treno o aereo e sfrutta il tempo del viaggio per lavorare questo rappresenta una bella seccatura.

Se invece per voi non è un problema, allora saprete riconoscere il valore aggiunto di un sistema che funziona su 13 piattaforme diverse, smartphone, tablet e desktop senza distinzione.

Seguite Silvio Gulizia su Twitter e Google+