TIM ha ufficialmente presentato il nuovo logo, un importante cambiamento che trasforma l’identità di uno dei più famosi operatori italiani. Un logo moderno al cui interno sono raggruppate tutte le operazioni commerciali di Telecom Italia.

E’ tempo di cambiamenti per TIM, che ha appena presentato il nuovo logo e promesso nuovi investimenti per diminuire il digital divide in Italia. Telecom Italia Mobile ha deciso di realizzare un nuovo simbolo, semplice e moderno, che permette di esprimere i valori e le caratteristiche di uno dei più importanti player nel mercato digitale.

https://twitter.com/TIM_Official/status/687233012455575553?ref_src=twsrc%5Etfw

Con il debutto del nuovo logo, TIM è ufficialmente passata da semplice operatore telefonico a importante player industriale e tecnologico, con un’ampia gamma di offerte per prodotti e servizi, a partire dalle reti ultraboadband fisse e mobili, al cloud e fino all’IT di ultima generazione.

In concomitanza con l’evoluzione del logo, TIM ha presentato anche la nuova sede centrale del’azienda, che sorgerà a Roma dal recupero delle Torri realizzate da Cesare Ligini nel quartiere EUR. Il progetto del nuovo centro operativo di TIM è stato progettato dallo studio di architettura UNO-A, che si è aggiudicato il bando rivolto ad architetti italiani sotto i 40 anni. La particolarità dell’edificio riguarda l’adizione di principi di sostenibilità ambientale e di efficienza energetica.

La presentazione del nuovo logo di TIM è stata l’occasione per annunciare il progetto di portare la banda ultra larga a tutti gli italiani. Il programma di investimenti previsto è di circa 10 miliardi di euro, di cui 5 per le tecnologie digitali fisse e mobili e alla creazione di datacenter e infrastrutture cloud tra il 2015 e 2017. Così facendo, TIM ha già raggiunto oggi una copertura del 41% con la fibra ottica e oltre l’87% con la tecnologia LTE, ma l’obiettivo è quello di ampliare ulteriormente il bacino di utenza che potrà accedere ad internet con queste nuove tecnologie. Nel 2017, TIM vuole raggiungere il 95% della popolazione con la connettività LTE e il 75% con la fibra ottica.