Presentato durante la conferenza digital di Nintendo, il nuovo capitolo della saga di The Legend of Zelda per Wii U ha stupito un po’ tutti poiché per la prima volta nella storia della saga il gioco sarà caratterizzato da una struttura completamente open world. Ma quello che tutti si chiedono è: quanto sarà grande il mondo di gioco?

A dissipare i dubbi dei fan è il game designer Eiji Anouma, che dichiara ai microfoni di MMGN: “In termini di scala del mondo del nuovo Zelda su Wii U, penso sempre a Kyoto come la mia base. Lei conosce Kyoto?”

E sull’esperienza open world, Anouma spiega:Credo che la ricompensa per esplorare il mondo sarà l’esperienza acquisita. C’è sempre bisogno di un piano quando si è in viaggio, anche nella vita reale è necessario prendere una decisione, come guidare o prendere il treno. Queste scelte hanno un impatto sulla tua esperienza. Si potrebbe iniziare a camminare, ma poi realizzeresti che non puoi arrivare in un luogo solo camminando, quindi impareresti qualcosa, realizzando che c’è un ostacolo da superare in modo diverso

Nel mondo di Zelda, superando tale ostacolo acquisirai nuove esperienze e, talvolta, nuove abilità. Proprio come nella vita reale, nel processo di pianificazione per raggiungere il tuo obiettivo si prende più famigliarità con il territorio e si acquisiscono nuove abilità e conoscenze che ti aiuteranno a progredire nel gioco“

Una piccola battuta anche sul protagonista del gioco, Link: “Non voglio che la gente dia peso all’aspetto di Link, perché Link rappresenta il giocatore. È un veicolo”.