Guida a The GIMP su leo Hi tech: 1345678910

Le immagini e i filmati delle guide sono catturati da Ubuntu, ma le funzionalità di The GIMP sono pressoché identiche su Windows o Mac OS X.


Una delle operazioni più comuni del foto-ritocco è la rimozione degli occhi rossi. Quando scattate una fotografia accendendo il flash, infatti, è possibile che resti impressa la retina del soggetto ritratto: l’iride non riesce ad adattarsi così rapidamente alla luce, chiudendo la pupilla in tempo. Non voglio certo dilungarmi sulla spiegazione medica del fenomeno, ma spiegare come risolvere il problema su The GIMP. Questo programma, al pari di Photoshop, ha un filtro dedicato ad attenuare l’effetto che può rivelarsi molto utile.

Prima d’accedere allo specifico strumento, è necessario circoscrivere l’area degli occhi afflitti dal problema: la selezione ellittica, nel pannello a sinistra, permette d’evidenziare la e/o le pupille da correggere. Tenendo premuto il tasto [Shift] della tastiera, è possibile aggiungere una seconda circonferenza senza rimuovere la precedente. Come spiegato nello screencast in calce, eseguire il filtro in assenza di selezioni può corrompere l’intera fotografia ed è fortemente sconsigliato. Selezionare gli occhi è molto semplice.

Circoscritta la selezione delle pupille, dovete posizionarvi in FiltriMiglioramentoRimozione occhi rossi…: l’unica variabile è costituita dalla Soglia, che identifica l’«aggressività» del filtro. Il valore predefinito è 50 e potete scegliere di variarlo da 0 a 100, a seconda delle caratteristiche dell’occhio. Se l’iride è piuttosto chiara, insomma, non andrei oltre il 25. Basta cliccare su OK, perché le modifiche siano applicate e l’effetto risulti attenuato o rimosso del tutto. La settimana prossima parleremo dei colori.

Le immagini e i filmati delle guide sono catturati da Ubuntu, ma le funzionalità di The GIMP sono pressoché identiche su Windows o Mac OS X.

Guida a The GIMP su leo Hi tech: 1345678910