Come comportarsi in caso di terremoto? Se hai un’applicazione già scaricata sul tuo smartphone, dovrebbe essere tutto più semplice. Lo sanno benissimo i giapponesi che con i movimenti tellurici hanno a che fare tutti i giorni. Ecco una proposta.

In Giappone, dopo Fukushima, si è scatenata la ricerca di questi piccoli dispositivi che riescono a rivelare il livello di radiazioni presenti nel territorio. Per questo è scattata l’illuminazione a Softbank che è il colosso nipponico della telefonia.

Softbank, insieme a Sharp, sta per mettere sul mercato un prodotto, uno smartphone per l’esattezza, che contiene al suo interno un contatore Geiger che rileva le radiazioni nucleari.

Il dispositivo in questione è lo Sharp 107SH Pantone 5 che sarà disponibile dal 25 luglio, con diverse possibilità cromatiche e un’ampiezza della rilevazione abbasta elevata. In pratica l’informazione che Geiger dà è la quantità di esposizione di una persona alle radiazioni.

In conseguenza di Fukushima, una cosa del genere, è stata molto gettonata e richiesta. In Italia, in queste ore, si sta invece diffondendo la “fobia” del terremoto, evento che magari non ha conseguenze nucleari nel nostro paese ma mantiene alto il livello di paura dei cittadini.

L’INGV ha pensato di andare incontro ai terremotati e potenziali tali con un’applicazione che offre un resoconto live delle attività sismiche in corso. Niente accenno alla prevenzione, ma già avere idea di quello che sta succedendo, forse aiuta.