Samsung Accelerator, un acceleratore d’impresa avviato nel 2013 per aiutare le startup innovative, ha pubblicato ieri Terrain Home: un launcher per Android che compete con Google Now e Facebook Home. Realizzato su Galaxy S5, è gratis per tutti gli smartphone con le versioni 4.1 e successive del sistema operativo. Disponibile soltanto in lingua inglese, può coesistere con la app di Mark Zuckerberg… ma sostituisce la schermata iniziale di Google e sovrascrive tutte le schede con le icone delle applicazioni su Jelly Bean e KitKat.

L’intenzione pare quella di convincere i consumatori ad abbandonare l’assistente vocale di Mountain View, anche se la ricerca su Terrain Home impone l’uso della tastiera virtuale. Google Now propone contenuti personalizzati in base all’esperienza-utente, a mo’ di profilazione pubblicitaria, e la app di Samsung consente altrettanto — a partire dalle applicazioni più usate. L’ergonomia non sembra essere delle migliori, ma potrebbe essere un problema di abitudini, e le icone sono disposte in ordine alfabetico nella terza schermata.

La prima, sulla sinistra, offre delle caselle in stile Twitter Card che raggruppano dagli aggiornamenti di Facebook alle indicazioni sul traffico. Il marchio Samsung non appare nella app, quasi per tenere le distanze da Terrain Home: di primo acchito è giusto un esperimento – meno incisivo di Google Now e più complesso di Facebook Home – che potrebbe essere riproposto con Tizen. Ad Android non serve una simile applicazione, perché gli strumenti integrati offrono già le stesse informazioni aggiornate sugli interessi dell’utente.