Quando viene perfezionata una tecnologia più pratica, flessibile ed ergonomica della precedente, è facile che la novità prenda il sopravvento, rendendo obsoleta (o meno appetibile) la vecchia.

Sembra quello che sta succedendo nello scontro hi-tech tra tablet e personal computer, come indicano le previsioni effettuate dall’istituto di ricerca Gartner, che per il 2015 immagina uno scenario in cui le tavolette surclasseranno nel cuore e nelle esigenze dei consumatori i pc.

Il 2015 sarà infatti il primo anno in cui le vendite dei tablet, sempre secondo le proiezioni, si assesteranno sui 321 milioni contro i 316 dei loro antenati.

E questi ultimi non sarebbero aiutati neanche dalla ripresa (otto milioni in più rispetto al 2014) causata dalla decisione di Microsoft di abbandonare Windows XP con conseguente sostituzione delle macchine obsolete.

Tuttavia il vero re delle vendite è ancora lo smartphone, che sui 2,4 miliardi di dispositivi la cui vendita è prevista nel 2014 dominerebbe incontrastato, assicurandosi una fetta di mercato equivalente al triplo di tablet e pc messi insieme.