Di applicazioni per organizzare il proprio guardaroba ed avere sempre a portata di mano un’idea per il cambio, ce ne sono a bizzeffe, ma un’applicazione che individua il tuo look e ti propone anche nuovi acquisti, forse, doveva ancora essere inventata. 

Ci ha pensato una nuova startup nata dall’esperienza di Startuppami, il gruppo di startupper che si riuniscono mensilmente a Milano per condividere idee di business e trovare nuovi partner e nuovi progetti su cui investire soldi ed energie.

Styloola nasce dalla volontà di mettere in relazione i gusti nell’abbigliamento delle persone e le offerte commerciali mirate che possono arrivare da negozi di tendenza “abbonati al servizio”. Con Styloola, infatti, i cittadini possono catalogare il guardaroba, poi possono condividerlo.

In pratica l’applicazione vende le foto del guardaroba di un utente del servizio, agli operatori della moda in modo che possano indirizzare all’utente delle offerte appetibili. L’ultimo investimento su questa applicazione è stato di 215 mila euro. Niente male!

Wired ha provato a chiedere agli imprenditori di Styloola qual è la mission dell’azienda e l’imprenditore Ottolini, insieme al suo cofondatore Lorini, non si sono certo nascosti dietro ad un dito:

Consentire agli utenti di vestire meglio spendendo meno. Recuperiamo informazioni in giro per il mondo per capire come si muovono gli appassionati di moda e cerchiamo di estrarre dei trend per capire cos’è cool, così da avere interessanti informazioni da vendere agli operatori del settore e a chi gestisce le campagna pubblicitarie.