Sai che Nokia ha immesso sul mercato tre smartphone con Android e che a Microsoft non ha fatto molto piacere: a prescindere dalla richiesta dei consumatori, è stata una scelta inevitabile. I nuovi Asha 220 e 230 per le economie emergenti installano un sistema operativo, Symbian, che è stato abbandonato. Cos’avrebbe potuto sostituirlo, se non Android? E considera che MeeGo ha fatto la stessa fine. Detto ciò, Microsoft l’ha acquisita e scelto Satya Nadella come nuovo CEO. Cosa farà Stephen Elop, non potendo più esserlo per Nokia?

Guiderà la divisione dei device, che era presieduta da Julie Larson-Green, ovviamente. È la decisione migliore, che dovrebbe risolvere il problema dei tablet con Windows RT: Nokia propone il Lumia 2520, ma Microsoft ha già i Surface. Non avrebbe senso continuare a produrre entrambi ed Elop dovrebbe trovare la giusta sintesi fra la tecnologia finlandese e il sistema operativo statunitense. Certo, fino a Windows 9 – e, forse, più avanti – l’interfaccia di Windows RT non troverà la giusta armonizzazione con Windows e Windows Phone.

Sarà interessante capire in quale direzione andranno gli equilibri delle due società: i Surface faranno spazio a degli equivalenti col marchio di Nokia o viceversa? Scegliere Elop parrebbe propendere per la prima ipotesi anche considerando le vendite insoddisfacenti dei primi slate proposti da Microsoft, ma tutto è possibile. A me la nuova gamma non dispiace affatto e punterei a continuare sulla stessa falsariga — magari, proponendo ulteriori accessori in bundle come degli schermi ad alta definizione o bracciali per il fitness.