Valve ha appena introdotto Steam Music, proposto al come beta, su Steam OS in modalità Big Picture: è un nuovo riproduttore multimediale che ti permette d’ascoltare la musica sulle Steam Machines — e, in futuro, sul desktop. Il sistema operativo avrebbe già un lettore che se conosci GNOME (l’ambiente scelto per il fork di Debian) è Rhythmbox. Funziona all’incirca allo stesso modo, dandoti la possibilità d’acquistare i brani su Amazon MP3 o altri negozi virtuali. Steam Music, invece, non lo permette… almeno, non ancora. Lo farà.

Perché ne sono tanto sicuro? Beh, Steam è un negozio virtuale che distribuisce videogiochi e programmi: mancano soltanto i contenuti multimediali per essere un’alternativa credibile a iTunes. Considero il servizio di Apple e non Spotify, come diretto concorrente, proprio perché quest’ultimo è incentrato sullo streaming e – sebbene non escluda che Valve possa optare per una soluzione del genere – non vende applicazioni. Steam lo fa, però non ancora su Steam OS o Linux. È un altro salto di qualità che io m’aspetto a medio termine.

Mi sono sempre riferito alle Steam Machines come a delle console, ma sarebbe più corretto definirle degli HTPC (Home Theatre PC): in pratica, dei computer connessi al televisore. Steam Music ti permette d’ascoltare le tracce che ai salvato sul tuo disco – non è ancora collegabile a dei servizi di cloud storage – come faresti dalla TV connessa al desktop oppure PlayStation 4 o Xbox One. Se vuoi accedere alla beta, devi installare Steam OS e proporre la tua candidatura al gruppo dedicato su Steam. Non dovresti avere dei problemi.