Dopo che Silvio Gulizia ci ha parlato qualche tempo fa dello Startup Weekend di Milano, oggi torno a parlare di Startup anche io, in occasione dell’inizio della seconda edizione di Startup Revolutionary Road. Si tratta di un’iniziativa molto ampia, rivolta per lo più ai giovani, con partnership del calibro di Microsoft, con il programma YouthSpark, Fondazione Cariplo e Fondazione Filarete.

Il progetto permette di creare la propria startup con il sostegno delle aziende, attraverso corsi di formazione e mentorship. Per accedervi è sufficiente partecipare ad una delle date del dello Startup Revolutionary Road Tour 2014, ancora non pubblicate.

A testimonianza del lavoro svolto lo scorso anno, alla presentazione della seconda edizione sono intervenute le 5 migliori startup nate lo scorso anno, che hanno condiviso la loro esperienza con Startup Revolutionary Road. Esse sono Actions, Garoo, B10nix, Leevia e Jamyourself.

Gli obiettivi di questa seconda edizione?

  • Raggiungere 22 mila giovani dopo i 20 mila raggiunti lo scorso anno
  • Formare 2600 giovani tramite le Startup School (2500 l’anno scorso)
  • Creare 900 nuovi posti di lavoro

Microsoft, Fondazione Cariplo e Fondazione Filarete hanno tenuto fede alle promesse della prima edizione, sostenendo concretamente i giovani, attraverso formazione mirata e reali opportunità lavorative. Si sta quindi avverando l’ambizioso obiettivo di supportare la strategia di occupazione del Paese. Altro obiettivo di quest anno sarà raggiungere in maniera più incisiva le Università del Sud e le ragazze, meno coinvolte lo scorso anno rispetto ai giovani uomini.

Seguite Andrea Careddu su Google Plus Twitter

photo credit: Rodrigo Paoletti via photopin cc