Presto, Spotify potrebbe introdurre film e serie televisive accanto ai brani musicali: il servizio è arrivato in Italia nella prima metà di febbraio e un’estensione dei contenuti già offerti sarebbe particolarmente interessante nel nostro Paese. Nicholas Carlson di Business Insider ritiene che Spotify possa arrivare a competere con Netflix e HBO, un broadcaster statunitense che produce numerosi telefilm come Games of Thrones o Boadrwalk Empire. Sarebbe un’occasione (quasi) inedita per l’offerta televisiva della nostra Penisola.

Sappiamo che, in Italia, le emittenti sono pochissime rispetto agli Stati Uniti: la scelta dei consumatori sulla pay-per-view è ridotta a un operatore satellitare che distribuisce gli stessi contenuti via internet e uno per il digitale terrestre. Non sono accessibili piattaforme come Netflix, ma la presenza di Spotify aumenterebbe sensibilmente l’offerta televisiva attuale. Per la cronaca, nel resto d’Europa la situazione non è migliore… e, se aveste avuto l’occasione di guardare la TV in Francia o Germania, non le invidiereste.

Dovendo sempre “combattere” con le etichette sulle royalty, Spotify fatica a rendere gratuita la fruizione da mobile e potrebbe pensare di produrre delle fiction in proprio. Coca-Cola e Goldman Sachs hanno investito $100 milioni nell’azienda, che attualmente è valutata $3 miliardi. Realizzare una mini-serie, però, potrebbe costare fino a $5 milioni per ogni singolo episodio: è stata l’esperienza di Netflix in House of Cards. Dubito che Spotify possa permetterselo. Già ridistribuire i contenuti altrui sarebbe molto interessante.

Photo Credit: Jon Åslund via Photo Pin (CC)