Sono malato di Spotify. La prima volta che ci ho messo mano ho subito quasi una sindrome di Stendhal, un’ubriachezza da troppe cose da ascoltare. Adoro Spotify perché è la vera musica liquida. Ti passa per la testa un brano (o lo intercetti con Shazam) e subito lo puoi ascoltare; poi passi all’ascolto dell’album contenente quel brano e via alla discografia dell’artista. Tutto senza attese.

Penso che rimarrò fedele a Spotify anche quando in autunno uscirà iRadio. Questo perché, benché io sia anche un forte estimatore dei prodotti Apple e degli ecosistemi che la casa di Cupertino è in grado di realizzare, ascoltando l’analisi di Carolina Milanesi vicepresidente di Gartner ho capito che il servizio di musica in streaming della Apple sarà tutto finalizzato alla vendita della musica su iTunes; in sostanza iRadio permetterà di ascoltare delle radio tematiche con lo scopo di invogliare l’utente all’acquisto dei brani suggeriti.

Sarei tentato quindi di farmi l’abbonamento Premium a Spotify ma ritengo il prezzo attuale troppo esoso. Se l’abbonamento Premium costasse come l’Unlimited (ovvero €4,99 anziché €9,99) non ci penserei due volte. La pubblicità su Spotify quando lo si ascolta gratuitamente da desktop non mi da fastidio; quindi aspettando che lo rendano gratis anche su mobile, facendo ascoltare la pubblicità anche là, vi racconto come faccio ad utilizzarlo in casa controllandolo con il mio smartphone.

Ecco come procedere:

1. installate l’app ufficiale di Spotify sul PC o sul Mac;

2. installate poi sul vostro smartphone l’app Remoteless for Spotify disponibile gratis per Android e iOS;

3. sul PC o sul Mac installate l’applicazione Remoteless Helper scaricabile dallo stesso sito gratuitamente.

4. lanciate tutte e tre le app e poi individuate dallo smartphone, con l’app dedicata, il computer che funge da player il quale deve essere visibile in rete (occhio a eventuali blocchi ad opera di firewall specialmente in ambiente Windows).

This is it. Ora potrete far suonare sul vostro PC (magari un HTPC, un Home Theatre PC che avete collegato al TV e al sistema audio 5.1) la musica di Spotify controllandola direttamente da smartphone via WiFi, in tempo reale in qualunque punto della casa voi vi troviate con una velocità di risposta al comando stupefacente.

Photo credit: Blixt A. via photopin cc