Alcune fonti vicine a Microsoft avrebbero riferito a The Verge che il nuovo browser per Windows 10, conosciuto con il nome in codice Spartan, includerà una serie di nuove funzioni non presenti negli altri software per la navigazione online. In primis, le voci parlano di una feature che permette di annotare su una pagina web (supporta penne digitali) e condividere le note con un amico. Il servizio di nota web è supportato dal cloud di Microsoft One Drive, ciò significa che gli appunti saranno salvati sulla nuvola e quindi accessibili in qualsiasi momento e da qualunque dispositivo.

Secondo caratteristica importante in Spartan sarà l’integrazione con l’assistente vocale Cortana, il Siri di Windows, che sarà disponibile per effettuare ricerche piuttosto basiche come prenotazioni alberghiere, rintracciare spedizioni o informazioni sui voli. Con l’ingresso di Cortana nel browser Spartan, è presumibile che l’assistente sostituirà definitivamente le meccaniche di ricerca automatica di Bing presenti in Internet Explorer. Spartan permetterà anche di mettere maggior ordine nelle schede, rendendo più facile, ad esempio, di dividere le schede personali da quelle del lavoro.

Di Spartan sarà sviluppata una versione PC e una mobile per smartphone e tablet, con caratteristiche identiche, e sarà disponibile come applicazione su Windows Store. Il nuovo browser di Microsoft sarà quello ufficiale del sistema operativo Windows 10, ma ciò non vuol dire che Internet Explorer scomparirà definitivamente. E quindi cosa accadrà? Il futuro di Internet Explorer e la denominazione ufficiale di Spartan verrano probabilmente svelti da Microsfot all’evento Microsoft Windows 10 programmato per il 21 gennaio.