Sony ha presentato ufficialmente il PlayStation VR, il suo visore per la realtà virtuale con cui punta a rivoluzionare il settore dei videogiochi. Il PlayStation VR arriverà in Giappone, America, Europa ed Asia ad un prezzo di 399,99 euro come accessorio per la console PlayStation 4. L’annuncio è stata dato direttamente dal palco del Game Developer Conference che si sta svolgendo a San Francisco. Il prezzo del nuovo visore per la realtà virtuale di Sony risulta essere molto interessante soprattutto se paragonato a quello dei più diretti competitors. L’Oculus Rift, per esempio, cosa molto di più.

Sony, dunque, prova a democratizzare la realtà virtuale offrendo il suo visore ad un prezzo alla portata di tutti o quasi i suoi clienti. Tuttavia, per poter funzionare, il visore dovrà essere utilizzato con un move controller e la PlayStation Camera, una sorta di sensore Kienct. Accessori non compresi di default della PS4 e che andranno acquistati a parte. Sony, comunque, dovrebbe mettere in vendita anche specifici bundle contenenti il visore e i suoi accessori.

Dal punto di vista tecnico, il PlayStation VR dispone di uno schermo OLED da 5,7 pollici in grado di riprodurre giochi con un frame rate sino a 120 fps. Visore che disporrà, inoltre, di una risoluzione “1920 x RGB x 1080“, cioè ogni pixel disporrà di un profilo RGB.

Il visore PlayStion VR dispone, inoltre, di 9 LED per rilevare il movimento della testa a 360 gradi. Sony afferma che la latenza nel rilevare i movimenti è inferiore ai 18 millisecondi.

A partire da ottobre, Sony ha promesso il lancio di oltre 50 giochi che supporteranno la tecnologia della realtà virtuale tra i quali una versione esclusiva di “Star Wars: Battlefront“. Dal punto di vista del design, PlayStation VR non è cambiato moltissimo rispetto a quando fu mostrato per la prima volta da Sony due anni fa.

Non rimane che capire se questo prodotto saprà dare davvero un plus alla PS4 offrendo una qualità paragonabile a quella offerta dai più diretti rivali. Se il visore saprà dimostrarsi un valido complemento per la console, Sony potrebbe fare un balzo in avanti importante nella sempre più accesa competizione del mercato dei videogiochi.