Sony punta a sfidare Google con Sony SmartEyeglass, occhiale smart dell’azienda giapponese che è disponibile in Developer Edition. Se da un lato a Mountain View stanno ripensando ad una nuova versione dei Google Glass, dall’altro troviamo Sony, ma anche Facebook ed Apple, che investono nel settore degli occhiali smart e realtà virtuale puntando a rivoluzionare il mercato.

Sony SmartEyeglass è il primo occhiale smart di Sony che saranno venduti negli Stati Uniti, Regno Unito e Germania a partire dal prossimo 10 marzo, al prezzo di 670 euro, tasse escluse. Questa prima versione, realizzata per gli sviluppatori, integra sensori di movimento e luminosità, fotocamera da 3 megapixel e una batteria che permette di avere fino a 150 minuti di autonomia. Qualora si utilizzi la fotocamera, i minuti diventano 80.

Sony SmartEyeglass VS Google Glass

Andando a comparare Sony SmartEyeglass con Google Glass, si nota come l’azienda giapponese abbia cercato di realizzare un misto tra occhiale 3D da cinema e i classici occhiali da vista. I Google Glass, invece, risultano più minimalisti e meno invasivi. Altra caratteristica unica degli SmartEyeglass riguarda il display, con risoluzione pari a 419×138 pixel, che è integrato all’interno della lente e monocromatico a 8-bit, con interfaccia grafica ridotta al minimo che può essere gestita tramite un sistema di input esterno. Infatti, all’interno della confezione è presente un “dischetto” che può essere posto sulla giacca o sulla camicia e permette di spostarsi all’interno dell’interfaccia e le varie opzioni del sistema operativo Android. Il controller circolare, infatti, è fondamentale per il funzionamento dell’occhiale visto che integra la batteria, speaker, microfono, NFC e sensore touch.

Dimensioni e funzionalità Sony SmartEyeglass Developer Edition

Specifiche e dimensioni di Sony SmartEyeglass Developer Edition

Per tutti gli sviluppatori che inizieranno, fin da subito, a mettere mano sui Sony SmartEyeglass vi è la possibilità di installare alcune app presenti sul Google Play Store, che permettono di accedere a Twitter, Facebook, Gmail, RSS, calendario e controllo vocale. Allo stesso tempo, Sony si aspetta che la comunità di developers realizzi applicazioni di varie tipologie quali suggerimenti e informazioni sul display mentre si visita un’attrazione turistica o molto altro ancora.

Infine, Sony spera di riuscire a rilasciare una versione consumer degli SmartEyeglass entro il prossimo anno, anche se i Google Glass hanno dimostrato come il mercato della realtà aumentata, realizzata con occhiali “intelligenti”, sia ancora troppo acerbo e le tecnologie non siano all’altezza.