Su iPhone, smartphone Android e Windows Phone ci sarà presto un grande ritorno: Snake, uno dei giochi per cellulari più famoso della storia della telefonia mobile. Snake esordì nel 1997 sul cellulare Nokia 6610, e il grande successo portò l’azienda finlandese a chiedere un sequel per i modelli successivi Nokia 3210 e 3310, device con i quali, nei primi anni del 2000, Snake ottenne un successo enorme, diventando un vero e proprio cult.

In realtà, sugli store degli smartphone come Play Store o App Store esistono già dei cloni di Snake. La novità sta nel fatto che lo Snake in questione sarà sviluppato da Taneli Armanto – la storica software house che realizzò il gioco originale nel 1997 – e si tratta quindi di un remake ufficiale. Il rifacimento si chiama Snake Rewind e sarà disponibile per tutti i device iOS, Android e Windows Phone a partire dal 14 di maggio.

Il remake presenterà un design molto simile a quello dell’originale e avrà un aspetto maggiormente minimalista, mentre sul fronte del gameplay potrebbero esserci molte novità, sulla falsariga di quello che le moderne app ludiche hanno mostrato in questi anni. Le meccaniche più raffinate e complesse potrebbero rivelarsi però una lama a doppio taglio, in quanto era proprio la semplicità e l’immediatezza la formula vincente di Snake. Il giocatore controllava un serpente all’interno di un quadrato nel quale doveva mangiare dei quadratini per crescere e ottenere più punti, ma quando il serpente colpiva i bordi dello schermo o la coda arrivava il game over. L’obiettivo era semplicemente quello di fare un punteggio sempre più alto e confrontarsi con i propri amici.