Ebbene, sì… Google lavorerebbe al proprio smartwatch: quello in fotografia (per evitare fraintendimenti) è un gadget di Sony, già disponibile sul mercato italiano. Diversamente da Glass, ideati dagli X Lab che in genere realizzano dei prototipi per il futuro, lo smartwatch dipende dalla divisione di Android e potrebbe raggiungere gli scaffali entro la fine dell’anno. Nonostante i dispositivi di altre aziende siano compatibili col sistema operativo, Google non ha ancora presentato la propria alternativa. Non tarderà ad arrivare.

Samsung ha annunciato la produzione d’uno smartwatch per Android, Pebble è in vendita da gennaio e Apple dovrebbe presentare al più presto iWatch. Google aveva registrato un brevetto nel 2011: se quel design fosse confermato, il gadget avrebbe un doppio schermo a comparsa che finora non sembra essere stato adottato da altri produttori. Non volendo commentare l’indiscrezione, Google non ha rivelato chi produrrà lo smartwatch e la scelta di Motorola è tutt’altro che scontata. Potrebbe essere presentato in maggio, durante I/O 2013.

È evidente che il 2013 sia l’anno degli smartwatch, come sottolineava Silvio Gulizia. Quello di Google non dovrebbe essere soltanto compatibile, ma addirittura installare Android sulla falsariga di quanto dovrebbe proporre iWatch con iOS: qual è il vantaggio? Sono sempre stato scettico sugli smartwatch e inizio a pensare che siano il migliore espediente per gli smartphone da 5”. Se ricordate, HTC ha prodotto un telecomando per Butterfly e DROID DNA. Per quanto mi riguarda, continuo a preferire COOKOO che è molto più essenziale.

Photo Credit: ivva via Photo Pin (CC)