Abbiamo visto una diffusione massiccia di macchine fotografiche e telecamere resistenti all’acqua ed utili nonché adatte per ritrarre i momenti più carini nelle attività “spericolate”. Adesso arriva anche lo smartphone a prova d’acqua, firmato dalla Panasonic. Meno di cinquecento euro e ve lo portate a casa. 

La Panasonic mancava dagli scenari europei da circa sei anni. Adesso i giapponesi sono tornati all’assalto del mercato europeo con un prodotto nuovo nel suo genere: uno smartphone a prova d’acqua che dovrebbe costare, almeno in Italia, circa 429 euro.

Un prezzo assolutamente competitivo con gli ultimi ritrovati del settore. Si chiama Eluga e, stando alle prime descrizioni, presenta il più alto rapporto schermo-telefono. Ne abbiamo parlato anche in altri articoli, ma volevamo insistere sul prezzo competitivo.

Il display è effettivamente molto grande e ad alta risoluzione. Si tratta di uno schermo capacitivi qHD da 16 milioni di colori. La risoluzione proposta dalla Panasonic è di 969×540. Lo schermo rappresenta il 66 per cento del corpo del telefono.

La qualità della camera è ampia perché è di 8 megapixel, con autofocus integrato e una memoria interna di 8 giga. Tutto quello che abbiamo finora detto però, lascia il posto ad un’altra caratteristica assolutamente nuova: la resistenza all’acqua.

Per circa 30 minuti questo telefono resiste senza subire danni ad una profondità di un metro. Tutti limiti previsti dallo standard internazionale IP57.