Sembra uno di quegli annunci alla Nicholas Negroponte che promuovono prodotti sottocosto adatti alle popolazioni meno abbienti. Questo che vi proponiamo oggi invece è un vero smartphone che arriva dalla Cina e vuole sfidare i concorrenti sul versante prezzo. 

A meno di non aver sottoscritto un abbonamento telefonico che includa uno smartphone, comprare un prodotto di questo tipo rappresenta un investimento, si va sicuramente a spendere sui trecento euro, quando va bene e ci si accontenta di prodotti un po’ vecchiotti.

Dalla Cina, invece, arriverà presto sui nostri “piccoli schermi” uno smartphone da 100 euro. A lanciarlo è stato il leader del mercato cinese dei motori di ricerca che da tempo cerca un settore in cui conquistare nuovi clienti.

Lo smartphone “per i poveri” si chiama Changhong H5018, ed è prodotto dalla Baidu Cloud Smart Terminal. L’assemblaggio è stato affidato alla Foxconn ed il rilascio è avvenuto in collaborazione con la Unicom.

In Italia non sarà disponibile, non per il momento, ma non sembra che il nostro mercato interessi il colosso cinese della telefonia. I destinatari di questo smartphone, infatti, sono i giovani cinesi che abitano in città.

I giovani perché fanno un uso più massiccio delle nuove tecnologie, e la residenza cittadina è legata alla copertura 3G non sempre disponibile altrove.