Sensibilizzare chi di dovere per far vivere un’esperienza di utilizzo giusta del mezzo tecnologico da parte dei minori. E’ questo l’impegno che si sono presi Samsung e il MOIGE, il Movimento Italiano Genitori, che hanno lanciato la campagna Smart Family, iniziativa sociale che ha come obiettivo quello di sensibilizzare famiglie e docenti sull’importanza di una fruizione responsabile delle nuove tecnologie da parte dei minori, trasformandoli in navigatori sicuri e utilizzatori consapevoli del mondo digitale.

Qualità della formazione

Smart Family è una parte di un progetto molto più ampio di Samsung, denominato Smart Future, percorso che sta cercando di contribuire ad incrementare la qualità della formazione tramite la digitalizzazione dell’insegnamento. Attraverso la fornitura di E-boards e tablet e corsi di formazione a 37 scuole primarie e secondarie italiane su tutto il territorio nazionale, e grazie alla realizzazione di una ricerca condotta dall’Università Cattolica di Milano nell’ambito dell’Osservatorio sui Media Digitali a Scuola, sono stati raggiunti importanti risultati rispetto al processo di apprendimento, come dimostra il giudizio fortemente positivo espresso sul progetto dagli attori oggetto dell’indagine.

La ricerca

I risultati di questa ricerca parlano chiaro: sono stati intervistati 199 genitori, 157 docenti (64% donne e 36% uomini) e 16 dirigenti scolastici. Questi sono i primi in tutta Italia che hanno cominciato ad utilizzare i media digitali in ambito didattico. Il dato emerso è che la tecnologia deve essere intesa come un valore aggiunto quotidiano, che non sostituisce la didattica tradizionale. Questo quanto pensano il 35,49% degli insegnanti, che le attribuiscono il ruolo di aggregante per l’inclusione di studenti stranieri (60%) e diversamente abili (80%). Positivi riscontri anche da parte dei genitori (per il 53,68% il tablet può contribuire a fare squadra), mentre in senso lato il tablet sembra essere un oggetto in grado di produrre strumenti e materiali per una didattica innovativa.

In giro per l’Italia

In questo scenario, Smart Family si pone in particolare lo scopo di trasmettere a genitori, nonni e docenti l’importanza di una fruizione responsabile delle nuove tecnologie, per fornire loro gli strumenti necessari ad affiancare i minori – figli, nipoti e alunni – protagonisti nella navigazione e nell’apprendimento con le nuove tecnologie. L’iniziativa si rivolge principalmente a genitori ed agli studenti di 291 classi di scuola primaria e secondaria di primo grado tra quelle già digitalizzate nell’ambito del progetto Smart Future e coinvolgerà oltre 25.000 partecipanti. La campagna “Smart Family” attraverserà 7 regioni d’Italia, dalla Lombardia alla Puglia, per un totale di 34 date in 29 scuole.