La crisi economica è un grave problema per tutti – o, almeno, per molti – ed esiste sempre qualcuno disposto a “cavalcarla” con delle proposte più o meno truffaldine: Smalfiland è una di queste, trattandosi d’un sistema di multilevel marketing camuffato da social network. L’utente interessato a iscriversi dovrebbe ricevere un invito da un altro membro, ma è anche possibile registrarsi in prima persona usando un qualunque indirizzo e-mail. Entrati, l’interfaccia somiglia a quella di Facebook… finché non appare il famigerato WOS.

Tutti quelli che lavorano sul web promuovono i propri prodotti o servizi su Facebook così come gli esercizi commerciali: Smalfiland istituzionalizza questo meccanismo — riducendo l’interazione fra i contatti a un reciproco scambio di link e suggerimenti sul social media marketing. Tuttavia, il WOS è un servizio di dubbia utilità che permette d’aprire un ufficio virtuale dove gestire a pagamento le proprie campagne pubblicitarie e ricevere una commissione chiamata Reddito di Cittadinanza sui guadagni di Smalfi Planet oltre i 50€.

Per aderire al programma occorre spedire una scansione del proprio documento d’identità, fronte e retro, accettando un contratto che prevede la promozione dei prodotti degli affiliati a Smalfi Planet Ltd.: non è troppo diverso da chi propone dei mandati per lavorare da casa con l’e-mail marketing. A infastidire è la terminologia utilizzata da Smalfiland che promette altissime provvigioni e facili possibilità di guadagno — sfruttando delle banali tecniche di persuasione degne di chi vende i numeri del lotto. Roba da commerciale.

photo credit: IvanWalsh.com via photopin cc