Si torna a parlare dell’ambizioso progetto Skype Translator. L’anteprima scaricabile della nuova applicazione pensata per abbattere le barriere linguistiche ha appena aggiunto l’italiano e il cinese mandarino alla lista delle lingue disponibili per la traduzione in tempo reale nelle videochiamate PC e tablet, che fino a questo momento era limitata ad inglese e spagnolo. L’interprete delle più semplici chat testuali supporta invece più di 40 idiomi.

Come noto, l’applicazione voluta da Skype, compatibile con Windows 8.1 e Windows 10 Technical Preview, consente di parlare un’altra lingua senza conoscerla veramente, miscelando il riconoscimento vocale con la traduzione automatica e l’intelligenza artificiale del suo potente software “machine learning”.

In pratica, quando l’utente pronuncia una frase nel microfono Skype Translator cerca le corrispondenze audio nel suo database, trasforma il parlato compreso in testo scritto e traduce automaticamente le parole in una diversa lingua, utilizzando la stessa prodigiosa tecnologia Microsoft di Bing Translator, in diretta competizione con gli algoritmi del colosso Google Translate.

L’interprete robotico è configurato per apprendere e migliorare costantemente il modo in cui le chiamate vengono tradotte. Per questo motivo, in questa fase di anteprima e test il team Skype chiede il contributo di tutti gli utenti per il perfezionamento della tecnologia. Anche le conversazioni più brevi possono aiutare l’espansione del modello statistico di riferimento, composto da milioni di campioni audio, che serve poi a riconoscere la punteggiatura, eliminare le disfluenze verbali e distinguere al meglio le frasi separate.

Per diventare un utente dell’anteprima basta registrarsi sulla pagina ufficiale del programma preview, partito dallo scorso dicembre, e scaricare il software per le videochat nella sua versione dimostrativa, che include comunque tutte le funzioni standard di Skype. Al fine di ottenere le migliori prestazioni nella traduzione simultanea, i tecnici Microsoft consigliano di utilizzare l’app sempre muniti di cuffie e microfono.