L’acquisto da parte di Microsoft del servizio Skype ha fatto il giro del mondo in pochi minuti. Nell’acquisizione, infatti, erano contenute tutte le potenzialità di un’integrazione su chat e videocall.Otto miliardi e mezzo di dollari è il capitale che Microsoft ha messo in campo per acquistare Skype, con l’obiettivo di integrare il servizio sui dispositivi mobili.

Una rivoluzione non indifferente se si pensa ai costi del traffico dati.

Detto ciò, prendiamo atto di un altro evento: Skype non sarà l’applicazione di videocalling integrata nei dispositivi mobili della prossima generazione che arriverà dai meandri di Redmond.

Il sistema operativo Windows Phone 7.5 Mango, infatti, sarà integrato con la versione iOS di Tango.

Tango è il nome dato ad un’applicazione per chat e videochat, debuttata nel settembre del 2010. Il che vuol dire che per vedere sfruttata al 100 per cento la potenzialità di Skype sui terminali mobili Microsoft, si dovrà attendere ancora un po’.

Su Tango, probabilmente, sarà concentrata l’attività degli sviluppatori nei prossimi mesi, in modo da lanciare un servizio molto stabile e soddisfacente. Tango è – non a caso – il nome di uno storico concorrente di Skype.

Il suo debutto sulle piattaforme Microsoft, quindi, è previsto per il 7 novembre. Poi fino alla fine dell’anno Tango resterà l’unico servizio di videochat su questi dispositivi.