La navigazione tramite dispositivi mobili continua ad essere in fase crescente per questo molte aziende stanno perfezionando prodotti e servizi per la connessione in mobilità. In particolare a rilanciare qualche software utile ci sta pensando Google.

Da Mountain View, in questi giorni, arriva la proposta di rilanciare sul mercato dei dispositivi mobili, Chrome, utilissimo per la navigazione e Drive, importante per archiviare sulla nuvola i propri file. Ma adesso si aspetta di conoscere la reazione dell’alter ego di BigG: Apple.

Google non si ferma un attimo nell’annuncio di nuovi prodotti e nel rilancio di vecchi servizi. Durante la conferenza a San Francisco ha reso ufficiale il lancio degli occhiali per la realtà aumentata, The Project Glass, poi ha deciso di puntare tutto browser e storage sulla nuvola, in barba a Safari e all’iCloud della Apple.

Il problema di Google è che con tutti i suoi prodotti, per quanto perfetti e accattivanti, non potrà mai spopolare tra i dispositivi Apple,quindi iPhone e iPad. Anche per Chrome, la vita sui dispositivi Apple della Mela Morsicata è difficile, perché Apple non prevede che ci siano dei decodificatori e quindi la potenza di Chrome è azzerata.

Safari si adatta benissimo ai paletti della Apple e le sue performance restano al di sopra della media perfino sui dispositivi mobile.