L’assistente vocale Siri è uno strumento molto utile ed interessante, in grado di offrire informazioni di qualsiasi tipo. Attenzione però: in caso voleste qualche informazione musicale, come la canzone più ascoltata del momento o le classifiche Siri non vi darà alcuna informazione a meno che non siate abbonati al servizio Apple Music, la piattaforma di streaming musicale lanciato dalla mela morsicata lo scorso giugno.

A notarlo e segnalarlo su twitter è il co-creatore del servizio di streaming musicale Pandora Tom Conrad, che ha postato sul social network lo screenshot di una conversazione con Siri in cui alla sua richiesta di canzone più popolare in USA oggi, Siri ha risposto: “Scusa Tom, io non posso accedere alle classifiche per te. Tu non hai sottoscritto l’abbonamento ad Apple Music”.

Stesso discorso se si cercano informazioni su classifiche del passato. Il fatto che i non abbonati non abbiano la possibilità di aver accesso – tramite Siri – ad una semplice ricerca sul web è un po’ sconcertante.

Si tratta ovviamente di una scelta da parte dei piani alti del colosso di Cupertino di stimolare gli abbonamenti al servizio, anche se è difficile pensare che le persone si abbonino ad Apple Music solo per conoscere le canzoni più ascoltate tramite Siri. Una scelta che, invece – a nostro modo di vedere – non ha fatto ben figurare Apple.