L’Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica ha stilato una “fotografia” della sicurezza informatica in Italia nelle PMi.

Lo scenario che viene descritto in questa analisi è preoccupante, si rileva un aumento della quantità degli attacchi informatici nell’ultimo anno.

I dati statistici diffusi descrivono come in Italia solo il 2% degli utenti Internet è consapevole dei possibili rischi di questi attacchi, il 71% degli utenti dispone di una protezione di base ma non ha sufficienti competenze per difendersi dal furto di identità digitale.

Nei prossimi anni le minacce previste si concentreranno nel settore Mobile e sui Social Network, ma non solo anche l’ambiente Cloud, una tecnologia relativamente giovane sarà presa di mira.

I rischi maggiori però come al solito non arrivano dall’esterno ma da minacce interne causate dal personale, fortunatamente la nuova l’introduzione normativa sulla privacy ha obbligato le PMI a gestire in modo sicuro i dati personali mediante l’introduzione di credenziali, la gestione centralizzata degli antivirus e l’aggiornamento automatico del SW.