Sfruttare il selfie del Presidente non è stata un’ottima idea da parte di Samsung. Obama infatti non ha gradito il tentativo dell’azienda coreana di farsi pubblicità ripostando su Twitter il selfie realizzato dal miglior giocatore della MLB 2013 con il presidente degli Stati Uniti. La Casa Bianca è stata chiara: giù le mani dal presidente. E c’è di più.

David Ortiz, il giocatore in questione, è infatti legato da un contratto di sponsorship a Samsung, proprio come Ellen DeGeneres, l’autrice del selfie di gruppo agli Oscar che è divenuto la base per una nuova moda. (A proposito, se vi serve qualche consiglio per scattare selfie affidatevi al nostro Gianpiero Riva.) In entrambi i casi poi a circolare sono stati gli scatti dei fotografi più che il selfie in sé. E in questi erano bellamente ritratti i prodotti di Samsung usati per lo scatto.

A Mr President questa cosa è andata letteralmente di traverso, tanto da opporsi esplicitamente all’operazione. Ortiz ha negato che il selfie facesse parte dell’accordo stretto con la casa coreana, ma chiaramente a molti i dubbi non sono andati via. Ricordate il divieto di mostrare gli iPhone alle Olimpiadi? In quel caso Samsung faceva valere una sorta di diritto acquisito firmando il contratto di sponsorizzazione, ma la cosa non andò giù a molti e anche questa volta sembra che ci ritroviamo davanti a un autogolo.

Il Boston Globe ha infatti poi svelato che il selfie faceva parte di un accordo preso da Samsung e Ortiz con la prima che si è impegnata attivamente ad aiutare il secondo a diffondere le proprie foto ai fan. C’è bisogno di aiuto per fare questa cosa? Be‘, sì, se fino a meno di un mese prima usavi l’iPhone e poi, incidentalmente in coincidenza della firma di un nuovo contratto con Samsung, sei passato al Galaxy, un po’ di aiuto può servire.