I seggiolino salva-bebè sarà obbligatorio a partire dal prossimo primo luglio 2019 per tutti i bambini sino a 4 anni. Il Senato italiano ha, infatti, approvato quasi all’unanimità il disegno di legge che istituisce l’obbligo per le famiglie di dotarsi di un seggiolino per le auto che integri un sistema d’allarme che permetta di evitare gli involontari abbandoni dei loro figli più piccoli in auto. Grazie alla precedente approvazione della Camera, il provvedimento diventa, adesso, legge.

Seggiolino salva-bebè, cosa prevede la normativa

Dal prossimo primo luglio 2019, dunque, tutti coloro che hanno un figlio sotto i 4 anni e decidono di portarlo in auto dovranno dotarsi di un seggiolino smart che includa questo speciale allarme anti abbandono che ricorderà ai genitori della presenza del loro figlio una volta spento il motore dell’auto. Sono previste anche sanzioni molto pesanti per chi non rispetterà questo nuovo obbligo normativo. Sanzioni per i trasgressori che andranno da un minimo di 81 ad un massimo di 326 euro. Inoltre, è prevista anche una sospensione della patente da 15 giorni a 2 mesi nel caso sia violato l’obbligo più volte nell’arco di due anni.

Sanzioni pesanti ma che sono le medesime che colpiscono anche chi porta i bambini in auto senza un apposito seggiolino. Non è ancora chiaro come dovranno essere strutturati questi allarmi, cioè che specifiche dovranno rispettare. Tuttavia, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha promesso che arriverà entro 60 giorni un decreto che conterrà tutti i dettagli sui nuovi obblighi. Il Governo italiano ha anche previsto delle agevolazioni fiscali, nel rispetto della normativa europea sugli aiuti di Stato, per facilitare l’adozione di questi dispositivi d’allarme.

In commercio, comunque, esistono già prodotti molto simili a quelli che la nuova legge imporrà come, per esempio, la soluzione BebèCare di Samsung e Chicco. Trattasi di una serie di sensori, integrati nei seggiolini auto Chicco modello Oasys 0+ e Oasys i-Size che, senza comprometterne le performance di sicurezza, sono in grado di rilevare i movimenti del bambino e di inviare notifiche agli smartphone dei genitori, tramite l’apposita app BebèCare.