Il progresso è inarrestabile. Partendo da questo assunto, nonostante tutto, è inevitabile per me versare una piccola lacrima per un concetto che mi ha accompagnato per tutta la vita, ossia l’hard disk a piatti rotanti. Con l’avvento degli SSD infatti, e analizzando la situazione, come riporta Gearburn, Seagate ha deciso e fatto sapere che non produrrà più, a partire dalla fine del 2013, hard disk a 7200RPM.

Ovviamente nei laptop di fascia medio-bassa continueremo ad avere i classici hard disk a 5400RPM, ma se decideremo di fare un upgrade affidandoci a Seagate dovremo dirigerci su dischi ibridi, in parte a piatti, in parte SSD sui quali purtroppo il recupero dei dati non è molto agevole, anche perché Seagate non ha una lineup consumer di drive SSD. Fondamentale diventerà quindi il Momentus XT, drive ibrido di punta di Seagate sul quale probabilmente l’azienda dovrà investire massicciamente in potenziali miglioramenti.

A questo punto quindi vediamo una parte della lineup di Seagate morire e un’altra rinforzarsi quasi di conseguenza: speriamo che questi investimenti nella linea Momentus ci siano, e che grazie a questo risparmio possano essere prossimamente lanciate anche delle alternative SSD complete (non ibride) come quella piuttosto contenuta all’interno del Chromebook di HP alla portata delle nostre tasche.

Photo credits: Jeff Kubina via photopin cc