Facebook ha dichiarato guerra a San Valentino. Più precisamente, a chi su San Valentino ci marcia regolarmente sopra. Cioè tutti, direte voi, e in pratica sì, avete ragione. Facebook ha infatti sospeso alcuni nuovi siti di dating, vietandogli di fare pubblicità sul social network se sono appena arrivati. Almeno fino a che non sarà passata la festa degli innamorati. Il che più o meno significa: se avete intenzione di lanciare un progetto in occasione di un evento e pensate di fare pubblicità attraverso Facebook, scordatevelo.

La notizia è stata riportata da Business Insider che ha pubblicato la lettera spedita a un cliente dal team di vendita di Faccialibro. Il tizio in questione, Kyle McGinnis, CEO di HiDine, “sito per i food lover dove le donne vengono portate a cena nel loro ristorante preferito”, ha spiegato però che la propria pubblicità era stata on line per diversi mesi su Facebook quando ha ricevuto la sospensione.

Il motivo di questo stop è nel fatto che gli utenti di Facebook si sono lamentati di vedere troppa pubblicità legata a San Valentino e in parecchi casi, ha spiegato Facebook, c’erano delle palesi violazioni alle regole del network. La soluzione è stata bloccare i nuovi siti di dating, dando priorità a quelli pre esistenti. McGinnis non ci sta e accusa Facebook di favorire chi ha un budget più alto da spendere sul social.

Sia come sia, quello che ne deduco è che, come già successo per le pagine, Facebook come strumento per il marketing è sempre meno affidabile è più costoso.

Seguite Silvio Gulizia su Twitter e Google+

Photo Credit: VanessaO via Compfight cc