Samsung è oramai pronta a lanciare la sua piattaforma di pagamenti Samsung Pay all’interno del vecchio continente. Attualmente, la piattaforma di pagamenti che si pone come alternativa ad Apple Pay, è attiva in America, Cina e Corea del Sud. Sebbene l’arrivo di Sasung Pay in Europa, contestualmente anche ad altri paesi, fosse già stato annunciato da tempo, Nathalie Oestmann, direttore di Samsung Pay per l’Europa, ha evidenziato come il debutto riguarderà innanzitutto la sola Spagna.

Trattasi di un debutto anticipato a scopo di test per verificare il funzionamento della piattaforma di pagamenti per poi renderla disponibile anche agli altri paesi. Entro l’estate, poco dopo la Spagna, anche l’Inghilterra guadagnerà il supporto a Samsung Pay e poi via via tutte le altre nazioni programmate. L’obiettivo di Samsung non è solo quello di consentire agli utenti la possibilità di effettuare micro pagamenti ma anche la possibilità di integrare la piattaforma all’interno di altri dispositivi smart come negli elettrodomestici per ampliare le possibilità d’utilizzo nei più svariati ambiti e riuscire, così, a fare maggiore concorrenza a tutit i principali player del settore.

Grazie all’ampio bacino di utenti Samsung, a risentire del debutto di Samsung Pay potrebbe essere non tanto Apple Pay ma Android Pay. Gli utenti di tutti i più recenti Galaxy potrebbero, infatti, preferire la piattaforma di Samsung a quella di Google. In ogni caso, Big G ha deciso, almeno limitatamente all’Inghilterra, di incentivare la sua piattaforma di pagamenti mobile attraverso alcune campagne promozionali.