Se da un lato il mondo degli smartphone è netta crescita, dall’altro vi è Samsung che ha assistito ad una contrazione, in termini di vendite, in Cina e India perdendo, di fatto, la prima posizione della classifica. Se fino a qualche mese fa, Samsung era un colosso che era pericoloso anche per Apple, adesso con l’arrivo di Xiaomi e Micromax, le vendite sono state ridimensionate ed hanno portato cattive notizie per gli investitori.

Dopo l’arrivo dell’iPhone, Samsung è stato il principale antagonista dell’azienda di Cupertino, con cause per brevetti nei tribunali di tutto il mondo. Quest’ultima, infatti, pur avendo solamente due smartphone a catologo riesce a raggiungere livelli di vendite estremi, mentre in Asia i concorrenti si fanno sempre più agguerriti. Samsung è stata la rivale per eccellenza negli scorsi anni, visto che ha investito ingenti risorse in pubblicità e nel cercare di allargare il bacino di potenziali clienti. Tuttavia, oggi si ritrova a dover competere con altri marchi low-cost, che offrono prezzi nettamente più competitivi.

La notizia del sorpasso in Cina ad opera di Xiaomi, che ha recentemente presentato il nuovo Mi4, e quella in India ad opera di Micromax farà riflettere a lungo i manager dell’azienda coreana su quale sarà la strategia da intraprendere per ritornare in auge. Allo stesso tempo, i numeri di Xiaomi e Micromax mostrano come il mercato smartphone sia ancora in netta crescita.

Basta pensare, infatti, che in Cina, Xiaomi ha venduto nel periodo aprile-giugno poco meno di 15 milioni di unità, posizionandosi di fronte alle 13.23 milioni di unità di Samsung. Mentre per quanto riguarda l’India, Micromax ha venduto il 16.6% dei telefoni commercializzati, mentre l’azienda coreana si è posizionata al secondo posto con il 14.4%. Numeri che fanno riflettere e dimostrano una concorrenza sempre più agguerrita.

photo credit: opopododo via photopin cc