Alcuni televisori Samsung presenterebbero consumi energetici superiori a quanto dichiarato dal costruttore. Secondo quanto riportato da The Guardian, uno studio effettuato dall’organismo indipendente ComplianTV avrebbe rilevato come alcune delle TV dell’azienda coreana presenterebbero nell’uso di tutti i giorni consumi superiori a quanto verificato nei test ufficiali. Lo studio avrebbe rilevato come durante i test si attivi la funzione “Motion Lighting” che va a ridurre la luminosità dello schermo e dunque di conseguenza anche i consumi energetici nelle condizioni di verifica effettuate della commissione elettrotecnica internazionale (Lec) che si focalizzano sulla riproduzione di sequenze veloci di vari filmati.

Ma sulla prova sul campo in condizioni reali e non di laboratorio, ComplianTV non avrebbe rilevato nessuna diminuzione dei consumi energetici. I test hanno, infatti, verificato comportamenti diversi durante i test a cui sono stati sottoposti i TV di Samsung. Queste variazioni potrebbero far pensare che il TV riesca a capire di essere entrato in una modalità di test adattando di conseguenza i consumi energetici. Samsung è comunque prontamente intervenuta smentendo categoricamente quanto ipotizzato, sottolineando, invece, che la funzione “Motion Lighting” entra in funzione ogni volta che rileva un movimento nel video.

Trattasi di una situazione molto delicata enfatizzata sicuramente dal recente scandalo Volkswagen dove l’azienda aveva manomesso il software delle auto per diminuire le emissioni inquinanti ogni volta che erano effettuati test di laboratorio.

Proprio per questo, l’Unione Europea vuole vederci chiaro e ha dichiarato che la Commissione Europea indagherà su ogni possibile violazione delle norme in materia anche a seguito di segnalazioni simili arrivate da Autority di Paesi membri dell’Unione europea, come quella svedese.