Il Samsung Galaxy S9 dovrebbe disporre del nuovo processore Snapdragon 845 di Qualcomm, in esclusiva, almeno per un certo lasso di tempo. Questa interessante affermazione arriva dal ben noto ed affidabile Eldar Murtazin che afferma che, come per il Galaxy S8 ed lo Snapdargon 835, la casa coreana avrà l’esclusiva temporanea per il futuro processore di Qualcomm.

Questo significa che all’inizio del 2018, solo il futuro top di gamma di Samsung potrebbe disporre del nuovo e potente processore. Gli altri costruttori dovranno ripiegare sull’attuale Snapdragon 835, oppure attendere alcuni mesi per poter lanciare i loro prodotti con la nuova piattaforma di Qualcomm. Samsung, dunque, anche per il 2018 si sarebbe aggiudicato alcuni mesi di vantaggio rispetto alla concorrenza. La fonte, inoltre, riporta che il Galaxy S9 sarà presentato con un mese di anticipo rispetto al Galaxy S8. Eldar Murtazin non offre una timeline precisa ma va anche detto che l’attuale top di gamma Android della casa coreana era stato lanciato nel 2017 in ritardo e quindi è probabile che il Galaxy S9, torni, invece, ad essere presentato nel canonico periodo di febbraio, magari in concomitanza con il Mobile World Congress di Barcellona 2018.

Trattasi, comunque, di indiscrezioni che come tali vanno prese, ma la sensazione è che il Galaxy S9 possa tornare ad essere presentato nella classica finestra temporale di tutti i vecchi top di gamma della casa coreana. Si ricorda, inoltre, che in Europa Samsung non adotterà il processore Qualcomm ma il suo nuovo Exynos.