Samsung ha presentato il nuovo Galaxy S6 Edge+. La presentazione dello smartphone è avvenuta nel corso dell’evento Unpacked dedicato, e ha visto l’uscita oltre a S6 Edge+ anche quella del nuovo Galaxy Note 5. Il primo dispositivo, come si può evincere dal nome, rappresenta una versione più grande del già esistente S6 Edge, e ne conserva gran parte delle caratteristiche, come già nelle settimane scorse siamo stati in grado di apprendere da rumors e leak.

Ciò che cambia con Galaxy S6 Edge+ è innanzitutto il display, che anziché da 5,5 è da 5,7 pollici, una crescita certo non grandissima ma comunque imporante per gli utenti, che sembrano sentire il bisogno di schermi sempre più grandi. Lo stesso schermo presenta risoluzione Quad HD 2560 x 1440 Super AMOLED e ovviamente lo schermo curvo su entrambi i lati, e proprio a questa porzione dello schermo – i bordi – sono state integrate con S6 Edge+ nuove funzioni personalizzabili per l’utilizzo di scorciatoie relative a contatti (People Edge) e applicazioni preferite e/o più utilizzate (Apps Edge), ed i bordi così sono resi maggiormente funzionali.

https://twitter.com/SamsungItalia/status/631856261710147584

Le caratteristiche interne sono praticamente invariate, con lo stesso processore Exynos Octa-Core della gamma S6 originale, ma stavolta lo smartphone potrà vantare performance maggiori, grazie ai 4 GB di RAM al suo interno. Sarà invariata la fotocamera, e questo non è necessariamente un dato negativo, dato che secondo molti il sensore da 16 MP di S6 è il migliore in circolazione su uno smartphone.

La batteria è da 3000 mAh, e permette certamente una maggiore autonomia rispetto al semplice Galaxy S6 Edge, mentre per quanto riguarda il prezzo del dispositivo, questo dovrebbe salire come riporta The Verge di qualcosa come 100 dollari rispetto al suo predecessore, e anche S6 Edge+ sarà disponibile in due versioni da 32 e 64 GB. Sarà possibile acquistare il nuovo phablet Samsung a partire dal 21 agosto in Stati Uniti e Canada, mentre bisognerà aspettare probabilmente qualche settimana – nessuna informazione ufficiale per ora – per il resto del mondo.