È da diversi anni che Samsung per i suoi smartphone alterna l’utilizzo dei propri processori Exynos – soprattutto in Corea del Sud e nei mercati in via di sviluppo – ai chip Snapdragon di Qualcomm. Secondo alcune indiscrezioni, però, nel nuovo top di gamma Samsung Galaxy S6 non sarà utilizzato alcun chip Snapdragon.

A riportare la notizia è il sito Bloomberg, il quale afferma che “Samsung eviterà di utilizzare il chip Snapdragon 810 perché durante i test si è surriscaldato troppo. Altri competitor hanno però optato senza riserve per l’ultimo processore di casa Qualcomm, da LG con il suo LG G Flex 2 ad HTC, che ci si aspetta incastonerà proprio Snapdragon 810 nel cuore del suo prossimo smartphone top di gamma One. Forse il fatto di aver scelto una scocca in metallo unibody – prima volta per Samsung – potrebbe aver influito negativamente sulle emissioni termiche del device con il nuovo SoC Qualcomm, più potente ma evidentemente anche più “caloroso”.

Samsung ha la fortuna di poter puntare sulla sua linea di processori Exynos per compensare l’assenza di Snapdragon 810, ma si tratterebbe di una soluzione solo parziale visto che il chip dell’azienda sudcoreana ha un’integrazione LTE inferiore a quella di Qualcomm (uno dei motivi per cui Samsung ha spesso fatto affidamento su un hardware concorrente). Quindi se Samsung non rivede il design del suo futuro top di gamma per ottimizzare la dissipazione, si ritroverà fra pochi mesi tutti gli smartphone Android top di gamma equipaggiati con Snapdragon 810 mentre il suo Galaxy S6 sarà l’unico a spingere su Exynos, leggermente inferiore al SoC targato Qualcomm. Sia Qualcomm che Samsung hanno preferito trincerarsi nel totale riserbo.

Fonte immagine: Wikimedia