Il Samsung Galaxy Note 9, il prossimo phablet Android della casa coreana, potrebbe arrivare in leggero anticipo. Secondo quanto riportato da Bloomberg, infatti, Samsung avrebbe in programma l’evento Unpacked già il 9 di agosto con un anticipo di 2 settimane circa rispetto al debutto del Galaxy Note 8 lo scorso anno. L’evento di lancio dell’atteso phablet Android sarebbe fissato sempre a New York e secondo la fonte, la commercializzazione dovrebbe partire già entro la fine del mese di agosto.

Se questa indiscrezione si rivelasse esatta, Samsung potrebbe aver voluto anticipare il debutto del suo nuovo prodotto per battere la concorrenza sul tempo ed arrivare in anticipo sul mercato. Del Samsung Galaxy Note 9 ad oggi si conoscono già molti particolari anche perché la base hardware non discosterà molto da quella dell’attuale Samsung Galaxy S9. Sicuramente sarà disponibile in due varianti, una per il mercato Americano con lo Snapdragon 845 ed una per il mercato Internazionale con il processore Exynos 9810.

Samsung dovrebbe aver anche aggiornato il reparto fotografico utilizzando la doppia fotocamera posteriore oggi presente sul Galaxy S9+ con alcuni affinamenti. Ovviamente, non mancherà anche il pennino che ha caratterizzato da sempre la famiglia Galaxy Note di Samsung. Pennino che sicuramente sarà ulteriormente affinato e che potrà contare su nuove funzionalità software. Alcune voci affermano che il Samsung Galaxy Note 9 potrebbe disporre anche di un lettore per le impronte digitali sotto il display e non collocato posteriormente come oggi. Su questo punto, però, al momento ci sono poche conferme.

Dal punto di vista software ci sarà sempre Android Oreo con la classica personalizzazione software di Samsung. Il prezzo di lancio dovrebbe essere leggermente superiore a quello dell’attuale Galaxy S9+. Se davvero la casa coreana ha deciso di anticipare il lancio del Galaxy Note 9, sicuramente nel corso delle prossime settimane se ne saprà molto di più.