In questi giorni Samsung sta sostituendo tutti i Galaxy Note 7 distribuiti nei negozi o venduti per via del noto problema della batteria “esplosiva”. Ma come fare a sapere se il Galaxy Note 7 che si deciderà di acquistare non nasconde al suo interno il problema di surriscaldamento? Il colosso sudcoreano ha pensato a due accorgimenti: uno fisico e uno software.

Per rendere più chiara la gestione del suo dispositivo, Samsung ha deciso di aggiungere sull’etichetta con seriale e codice a barre presente sulla scatola un piccolo quadratino nero (come potete vedere dall’immagine sottostante). In questo modo distinguere un prodotto difettoso da uno non difettoso è molto semplice e immediato.

Ma ciò potrebbe non bastare. Quindi, per evitare che l’utente distratto di turno che magari ha perso o gettato la confezione del phablet senza prima controllare, Samsung ha aggiunto anche un accorgimento software.

Nell’interfaccia del Samsung Galaxy Note 7 sano, infatti, il simbolo della batteria è di colore verde, sia nella status bar, che sullo schermo in modalità always-on che nella schermata che compare quando si tiene premuto il pulsante di accensione/spegnimento.

galaxy batteria verde