Pogoplug, una società che eroga un servizio di cloud storage illimitato, ha presentato Safeplug: un dispositivo da collegare al router per proteggere il proprio anonimato sul web. Al momento, il prodotto è disponibile soltanto negli Stati Uniti a $49 — ma esistono diversi motivi per cui è opportuno scriverne. Anzitutto, quotidianamente riceviamo notizie sul monitoraggio della NSA (National Security Agency) che è arrivata a sfruttare un bug della fibra ottica per “spiare” i naviganti e tutelare la propria privacy non è semplice.

Se ricordate, John McAfee – il creatore dell’omonimo antivirus – qualche settimana fa aveva espresso l’intenzione di produrre D-Central, un device per garantire l’anonimato dei consumatori in rete: Safeplug è un prodotto simile, che protegge la navigazione con Tor. È sufficiente connetterlo via Ethernet al proprio router, perché quest’ultimo crei una barriera fra il web e i dispositivi dell’utente. Una app permette d’estendere la protezione a tablet e smartphone, che navigano filtrando le pagine con un proxy gestito da Safeplug.

Sono mesi che, a seguito delle dichiarazioni di Edward Snowden, l’attenzione dei medium è tornata sulla privacy: un oggetto come Safeplug può permettere di tutelarsi, senza possedere delle competenze in materia. Sono sicuro che – oltre a D-Central – nei prossimi mesi aumenterà significativamente l’offerta di prodotti del genere, ma non è necessario investire dei soldi. Tutte queste soluzioni sono basate su Tor, un progetto open source e multi-piattaforma che potete installare e configurare subito. Tornerò presto sull’argomento.