Nei giorni scorsi Safari, il browser web di Apple, ha avuto alcuni problemi che ne impedivano agli utenti la normale navigazione sulla rete. Oggi il colosso di Cupertino ha posto un rimedio ufficiale, ma in molti hanno dovuto ricorrere al fai da te per anticipare i tempi e la patch correttiva non ha raggiunto ancora tutti i device e computer Mac. La criticità del software ha coinvolto la totalità dell’utenza mondiale, Italia compresa.

Stando a quanto affermato dal sito ReCode, il problema era legato ai suggerimenti degli indirizzi web che compaiono sulla barra di ricerca quando si inserisce un sito da visitare. Purtroppo la soluzione ufficiale di Apple potrebbe chiedere del tempo prima che sia disponibile a tutti, tanto è vero che alcuni internauti hanno dei problemi ancora oggi.

Chi volesse risolvere la situazione da sé, può eseguire una pulizia della cronologia di navigazione. Secondo alcuni blog solo questo può aiutare. Se non dovesse funzionare, si può sempre utilizzare un “trucchetto” che permetta di aggirare il crash: per quanto riguarda iPhone e iPad, dalle impostazioni dell’app per iOS di Safari si devono disattivare i Suggerimenti di Safari.

Se, invece, siete utenti Mac, è sufficiente avviare una nuova finestra privata per la navigazione. Utilizzando questa modalità di utilizzo, infatti, il browser non va a contattare i server di Apple per l’autocompletamento della barra degli indirizzi, e quindi il software non va in crash.