Google fuori. Google dentro. È accaduto in Russia, dove il portale è stato oscurato per un breve momento da parte delle autorità per le Telecomunicazioni del paese.

Roskomnadzor, questo il nome dell’ente russo preposto al controllo delle telecomunicazioni, ha fatto sapere, nella persone del direttore Alexander Zhavor, di aver bloccato momentaneamente Google.ru per via di un redirect che proveniva da un sito di bookmaker.

Il problema è stato prontamente risolto dalle autorità e quindi, poco dopo, Google è stato rimosso dalla lista nera dell’ente russo tornando visibile ai navigatori russi. La Roskomnadzor tiene una black list in cui inserisce tutti i siti web che non rispettano il regolamento russo sulla diffusione dei contenuti in rete, come accaduto per Google.ru, sebbene per un periodo di tempo molto limitato.

Alcuni utenti hanno segnalato la difficoltà ad accedere al popolare motore di ricerca durante, che su Twitter ha fatto sapere di essere al corrente e di essere al lavoro per risolvere il problema. Risolto poco dopo.