RunKeeper, la popolare app per il tracciamento dell’attività fisica, ha ricevuto un profondo restyling su Android: disponibile da venerdì, l’aggiornamento ha subito un ulteriore update questa mattina. Le nuove funzionalità – oltre alla diversa interfaccia-utente – riguardano l’implementazione delle ultime mappe tridimensionali di Google Maps e Google+ Sign-In, però c’è un altro aspetto da considerare. Finalmente, tracciare le sessioni indoor non è un problema! Il pulsante LOG del sito web è stato adattato a tablet e smartphone.

Mentre in un primo momento era necessario aprire il browser per registrare i workout effettuati in palestra, diverse settimane fa RunKeeper – con un aggiornamento minore – aveva introdotto la possibilità d’utilizzare la app: la versione 4.0, con l’avanzare dell’autunno, ha semplificato il processo. Non ritengo occorrano lunghe spiegazioni sul procedimento, perché l’interfaccia è tradotta in italiano e i passaggi sono gli stessi che avevo descritto per cyclette e tapis roulant. Tuttavia, le attività tracciabili sono più numerose.

Grazie a RunKeeper potete spaziare dallo yoga alla boxe, dalla partita di calcetto con gli amici allo snowboard: attività come pesi e flessioni – per quanto mi riguarda – sono ancora un problema, ma potete sempre associare al social network una delle applicazioni supportate. Io le registro con UP di Jawbone, però non sono pienamente soddisfatto del risultato. Un limite è nel ricorso a durata e calorie bruciate, anziché serie e ripetizioni. Ciò nonostante, sono convinto che usare RunKeeper possa davvero cambiare la propria vita.